DSCF1825 ph Marina Alessi web

Corpora

Spettacolo inserito nella rassegna TESTE INEDITE 2021 - V Edizione Sanare le ferite

2/3 ottobre 2021 - doppia replica ore 18:00 e ore 21:00
Sala Teatro - via Salasco, 4
Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi

Crediti dello spettacolo

Testo di Eliana Rotella
Regia di Giulia Sangiorgio
Attori Silvia Guerrieri, Gennaro Mazzuoccolo, Eleonora Mina, Simone Roberto Ruvolo, Edoardo Spina, Marco Trotta
Musiche Simone Zanada
Scene Nikolò Bikros, Annalisa Burcheri, Giulia Ogliari
Costumi Annalisa Burcheri
Video Jacopo De Benedictis, Giulio Gatto
Foto di scena e backstage Marina Alessi
Si ringrazia Martina Di Prato, Valeria Fornoni, Zeno Piovesan

Note dell'autrice

La vicinanza con la morte ci ha messo di fronte all’assenza del vocabolario per affrontarla, sostituito dalla confortante preghiera quotidiana di numeri e dati. Eppure, dietro ognuna di quelle cifre, c’è stato un nome a rappresentarla. Il dato, senza la bocca che lo traduce, che lo vivifica, è solo la metà di una vita, come un testo teatrale in attesa di incontrare il corpo dell’attore. Corpus, in una sintesi insperata, significa allo stesso tempo persona, cadavere, materia, testo. Corpora è la pluralità delle storie di corpi assenti contenute in un corpo ancora vivo per raccontarle, un corpo che spaventa perché slabbrato, composito, sanguinante. Un corpo che dà fastidio, come i punti di sutura che si rimarginano. Corpora non è la cicatrice guarita, è la ferita fresca appena ricucita, nella carne e nel corpo anche dopo il corpo, nella carne che si fa tanti corpi, come nel titolo, per tutte le bocche che racconteranno queste vite.
Eliana Rotella

Note di regia

Come si fa a vivere sapendo che si morirà? Corpora è un testo che attraverso il racconto della fragilità e della fatalità cerca risposte alla domanda inesauribile. Fatti, luoghi, personaggi e circostanze diverse si intrecciano nel punto di intersezione fatale. Sei performer vestono le sembianza di figure sulla soglia, a contatto diretto con il salto nel vuoto. Lo spazio che accoglie questi corpi e queste voci è un giardino, luogo in cui la nascita e la morte si congiungono in un solo ciclo vitale. I piedi ancorati alla terra, il cielo che scorre sopra la testa. Lo spazio si compone e ricompone grazie a pochi elementi, sei bare bianche, simili quasi ad artefatti alieni precipitati. Quali sono le parole, udite le quali, si sarà fatta pace col non esserci più, nostro e degli altri? Forse anche solo una risata sarà un buon punto di partenza.
Giulia Sangiorgio

NEWS CORRELATE

Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi

TESTE INEDITE 2021 - V Edizione

Sanare le ferite

dal 28 settembre al 3 ottobre 2021
Teatro, Retro Teatro, Teatrino e Giardino di via Salasco, 4
Rassegna teatrale di spettacoli originali live prodotti dalla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi
Direzione artistica di Tatiana Olear

CONTINUA