Less Banner

Biennale College: Chiara Campara tra i finalisti

Il progetto della nostra diplomata è tra i tre scelti per la fase di realizzazione

Biennale College – Cinema è l’iniziativa della Biennale di Venezia che promuove nuovi talenti per il cinema offrendo loro di operare a contatto di maestri, per la realizzazione di lungometraggi a micro budget.

Dopo il primo workshop fra 12 selezionati da tutto il mondo (provenienti quest’anno da
Bolivia, Cile, Corea del Sud, Francia, Giappone, Gran Bretagna, Israele, Italia, Lesotho, Polonia, Stati Uniti, Sudafrica, Turchia, Ungheria), sono stati selezionati 3 progetti che accedono alla fase di realizzazione dei film della 7a edizione (2018 – 2019) di Biennale College – Cinema.

Tra questi c'è Lesson of Love di Chiara Campara, diplomata in Documentario nel 2014: dopo aver co-diretto con i suoi compagni il fortunato Photofinish, documentario sul mondo dell'ippica che ha partecipato a diversi festival e competizioni nazionali e internazionali, Chiara ha continuato il suo percorso autoriale scrivendo, dirigendo e producendo cortometraggi non fiction tra i quali Sotterranea (2016) coprodotto dalla Civica e Le allettanti promesse (2017) coprodotto da Lab80 - che hanno ricevuto anch'essi importanti riconoscimenti.

Lesson of Love descrive la storia di Yuri, trentenne, figlio maggiore dell'unico allevatore di bestiame rimasto in uno sperduto villaggio di montagna, che non ha mai avuto una compagna ma che non si è rassegnato alla sua vita solitaria. In breve tempo dovrà confrontarsi con nuove relazioni sentimentali e prendere decisioni importanti sul suo futuro, che non può più rimandare.
La sceneggiatura del progetto è di Lorenzo Faggi, anche lui diplomato in Documentario, con il quale Chiara ha collaborato già in diverse occasioni (Photofinish e Le Allettanti promesse) mentre la casa di produzione è la è Ang film, di Roma.

I 3 team scelti devono partecipare a due ulteriori workshop, che si svolgeranno sempre a Venezia, fino a gennaio 2019. Questi apriranno la possibilità alla realizzazione vera e propria di 3 lungometraggi a microbudget tramite un contributo di 150.000 euro ciascuno, che saranno poi presentati alla 76a Mostra del Cinema di Venezia 2019.