Civica Abbado Dscf4964 Phmarinaalessi Web 72

26 ottobre e 16 novembre - I Civici Cori Civica - La musica sacra a Milano ai tempi di Leonardo

Chiesa della Madonna del Castello Almenno San Salvatore e Cattedrale di Bergamo

La musica sacra a Milano ai tempi di Leonardo
I Civici Cori della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado di Milano
Mario Valsecchi, direttore

26 ottobre 2019 ore 21.00
Chiesa della Madonna del Castello
Almenno San Salvatore, BG via Madonna del Castello, 7
ingresso libero

16 novembre 2019 ore 21.00
S. Alessandro martire, Duomo di Bergamo
ingresso libero


Il 26 ottobre e il 16 novembre 2019 alle ore 21.00, I Civici Cori della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado presentano La musica sacra a Milano ai tempi di Leonardo, raffinato programma che omaggia i maggiori autori che hanno operato nella Milano rinascimentale: Gaffurio, Agricola, Compère, van Weerbeke. Il concerto rientra nei programmi per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.

I molteplici interessi del genio di Leonardo -speculazioni intel­lettuali e applicazioni pratiche- che lo videro spaziare tra mate­matica, fisica, meccanica, architettura e pittura, trovarono espres­sione anche in campo musicale. S’interessò di strumenti musicali, della loro costruzione e dei princìpi di funzionamento. Ne praticò l’uso; forse si dedicò anche alla composizione. Scrisse, nei suoi trattati, anche di musica, ponendola a confronto con la pit­tura: “...La musica non è da essere chiamata altro che sorella della pittura, concios­siaché essa è subietto dell’udito, secondo senso all’occhio, e compone armonia con la congiunzione delle sue parti proporzionali operate nel medesimo tempo, costrette a nascere e morire in uno o più tempi armonici, i quali tempi cir­condano la proporzionalità de’ membri di che tale armonia si compone, non altrimenti che faccia la linea circonferenziale per le membra di che si genera la bellezza umana. Ma la pittura eccelle e signoreggia la musica perché essa non muore immediate dopo la sua creazione, come fa la sventurata musica...”. Pur in una posizione subordinata alla pittura, anche la musica concorre alla formazione e alla contemplazione della bellezza.

Leonardo, nella Milano sforzesca, conobbe gli esponenti più significativi della vita musicale: coloro che praticavano la musica per il diletto dei Signori presso le corti e quelli che operavano in Duomo e nelle chiese della città, componendo ed eseguendo musica per i momenti più solenni della liturgia ambrosiana. Franchino Gaffurio, sacerdote, nel 1484 assunse il ruolo di maestro di cappella presso il Duomo di Milano dopo brevi esperienze a Bergamo e a Ferrara, funzione che ricoprì per quasi quarant’anni. Accanto a questa attività fu insegnante al Gymnasium Mediolanensis, università fondata da Lodovico il Moro. L’am­biente ducale, inoltre, gli permise di entrare in contatto con illu­stri matematici, giuristi, grammatici e artisti tra cui appunto Leo­nardo da Vinci e Bramante. Proprio il dipinto del 1485, Ritratto di Musico, attribuito a Leonardo da Vinci e conservato presso la Pinacoteca Ambrosiana di Milano, è un probabile ritratto di Fran­chino Gaffurio. Le musiche di Gaffurio, accanto a quelle di altri musicisti attivi in Milano -Loyset Compére, Gaspar van Weerbeke, Josquin Desprez, Alexander Agricola- immergono l’ascoltatore nelle atmosfere sonore entro le quali si svolgevano e si gustavano i riti nella Milano del secolo di Leonardo

Programma

  • Alexander Ackerman (Agricola) (1445ca-1506)
    Ave pulcherrima Regina
  • Loyset Compère (1445-1518)
    O bone Jesu
  • Gaspar van Weerbeke (1445-1517)
    O Maria clausus hortus
    Ave Regina caelorum
    Salve Virgo salutata
  • Franchino Gaffurio (1451-1522)
    O sacrum convivium
    Stabat Mater
    Adoramus te Christe
    Regina coeli laetare

I Civici Cori rappresentano un Istituto della Civica Scuola di Musica Clau­dio Abbado, fondata nel 1862 per fornire strumentisti e coristi del Teatro alla Scala. I Civici Cori hanno sempre rappresentato un punto di riferimento musicale nella città e sul territorio: anche oggi costituiscono una realtà conso­lidata di attività formativa e di espressione artistica offerta a tutti.

Fondati nel 1980, diretti dal 2004 da Mario Valsecchi, I Civici Cori appar­tengono alla fascia di formazione definita amatoriale, che si rivolge più preci­samente agli appassionati di musica, anche privi di conoscenze tecniche, che desiderino accostarsi non solo alla pratica musicale, ma anche allo studio e all’allestimento, spesso in sedi prestigiose della città, di rare opere del patrimo­nio corale: composizioni rinascimentali, classiche, romantiche e contempora­nee per soli, coro e orchestra. La frequenza ai corsi consente a ogni partecipante di affinare le proprie capa­cità vocali, acquisire o approfondire la preparazione tecnica e perfezionare i meccanismi della coralità.